Photo credits: Greenrail

Il futuro della mobilità sostenibile nel settore ferroviario

3 Marzo 2022 | 5 minuti di lettura

Le traverse ferroviarie, quelle strutture che compongono i binari dei treni, inizialmente erano costruite in legno e ferro. Successivamente, a partire dagli inizi del Novecento lo standard è diventato il calcestruzzo. Queste strutture però hanno bisogno di frequente manutenzione e i costi quindi sono elevati. Nonostante il treno costituisca uno dei mezzi di trasporto più utilizzati, è anche un settore che vede pochi investimenti per quanto riguarda l’innovazione tecnologica. Si tratta, infatti, di un settore di mobilità prevalentemente passiva.

Binario classico
L’innovazione sostenibile di Greenrail L’azienda italiana Greenrail, fondata da Giovanni De Lisi, ha puntato, ormai una decina d’anni fa, verso un cambiamento di rotta, per portare anche il settore ferroviario verso la sostenibilità. Greenrail, infatti, ha ideato delle traverse che consentono di giungere ad una mobilità sostenibile e soprattutto attiva. L’innovazione nelle traverse in questione si traduce nella creazione, a partire da gomma di vecchi pneumatici e plastica riciclata, di un involucro esterno che funge da copertura ad un nucleo in cemento. I materiali scelti sono decisamente più economici in quanto il costo è di molto inferiore rispetto alle traverse in calcestruzzo. Inoltre, a livello ecologico si compie un processo di economia circolare in cui si riutilizzano dei materiali che altrimenti sarebbero dovuti essere smaltiti diversamente. Dal punto di vista tecnico, le caratteristiche di queste traverse permettono una riduzione dell’inquinamento acustico, in quanto i materiali di cui sono costituite riducono le vibrazioni e di conseguenza attenuano i rumori forti dovuti al passaggio dei treni. Minori vibrazioni significa anche minor necessità di manutenzione e quindi minori costi anche sotto questo aspetto.
Binario greenrail
Binario Solare

La questione relativa al portare il settore verso una mobilità sostenibile e attiva risiede nella possibilità di integrare queste traverse con pannelli fotovoltaici, in grado di immagazzinare energia solare. I binari dei treni, infatti, sono per la maggior parte all’esterno e per questo esposti al sole. Un km costruito con le traverse di Greenrail può ridurre fino al 40% le emissioni di Co2, fino al 30% il rumore e fino al 20% il consumo di energia, rispetto a quelle costruite in calcestruzzo.

Dal 2016 Greenrail è stata incubata dal Politecnico di Milano, il quinto miglior centro di ricerca nel settore ferroviario in Europa. Inoltre, è stata un’azienda membro fondatore del World Alliance for Efficient Solutions, organizzazione non governativa che promuove l’energia verde e le tecnologie sostenibili. Ciò è un punto di svolta, perché in fondo, una mobilità sostenibile deve andare di pari passo ad infrastrutture tecnologicamente innovative, e ciò deve avvenire anche in un settore radicato e storico come quello ferroviario.

Condividi questo contenuto:
Unisciti al nostro progetto:
Ricevi gli aggiornamenti su nuovi contenuti
pexels-photo-6591427
Design

I miti da sfatare sull’economia circolare

Nell’ambito dell’economia circolare esistono molti luoghi comuni che spesso convergono nell’idea che riusare, riciclare, mettere al bando la plastica basti per avere un mondo più …

Leggi di più
Pacchetto Pringles
Arte

Kellogg’s e lo storico packaging delle Pringles

Il famoso marchio Kellogg’s – primo player al mondo nei cereali e secondo nella produzione di cracker e snack – ha recentemente perfezionato una chiara …

Leggi di più
Torna su